Your browser is not supported anymore.

We suggest changing from Internet Explorer to another option. The Internet Explorer browser is no longer supported by Microsoft. Please install or upgrade one of the browsers below.

Più in profondità, più intelligente e più ecologica: LKAB punta sulla sostenibilità a Kiruna

24 agosto 2022

Una miniera sicura e priva di combustibili fossili entro il 2030, a una profondità di almeno 2.000 metri. La società mineraria svedese LKAB ha un obiettivo ben definito che, una volta raggiunto, rappresenterà un nuovo standard a livello mondiale per l'estrazione mineraria sostenibile.

I cursori si spostano progressivamente sullo schermo. L'operatrice Marie Arngren siede rilassata al suo posto e monitora ciò che sta accadendo. L'ufficio, situato a 1.365 metri di profondità, è arredato in modo moderno, con un'illuminazione viola lungo le pareti e ricorda più un nightclub che una miniera.

 

"Una volta abbiamo provato il sistema a LED in diversi colori, ma era così difficile da spegnere che abbiamo deciso di mantenere il viola", afferma Marie Arngren, ridendo.

 

Ci troviamo in una delle miniere di LKAB a Kiruna, la città più settentrionale della Svezia. Qui l'azienda fa attività mineraria da 130 anni in uno dei più grandi giacimenti del mondo, ma negli ultimi anni ha gestito anche un progetto in parallelo: creare un nuovo standard mondiale per l'attività mineraria sostenibile

 

Ed è qui che i cursori sullo schermo di Marie Arngren diventano parte della storia. Mostrano come due pale caricatrici autonome si spostano in modo indipendente dal punto A al punto B della miniera. Si tratta di una procedura già in uso e che in futuro verrà integrata nelle miniere autonome e prive di emissioni. Due, e presto tre, delle pale caricatrici in prova sono prodotte da Epiroc.

 

"Per noi ora si tratta di capire come ridurre al minimo il numero di interruzioni dovute al blocco del circuito di sicurezza delle pale caricatrici, ad esempio in caso di ingresso di una persona nell'area di lavoro. Con lo Scooptram ST18 di Epiroc questo problema può essere risolto restringendo l'area di sicurezza intorno alla macchina", afferma Marie Arngren.

"Per noi ora si tratta di capire come ridurre al minimo il numero di interruzioni"

Marie Arngren, Operator, LKAB

Johan Enback sorseggia il suo caffè nella saletta adibita dell'ufficio accanto al settore minerario e afferma:

"Tutto è iniziato con i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell'ONU."

 

Johan è il responsabile tecnico del progetto "Un nuovo standard mondiale per l'estrazione mineraria sostenibile" ed è stato coinvolto sin dalla sua presentazione quattro anni fa.

"Ci siamo chiesti cosa possiamo fare come società mineraria per contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici. Sapevamo di dover scavare più in profondità nelle nostre miniere per poter continuare a estrarre competitivi, ma gli obiettivi climatici ci hanno fatto pensare a come combinare la sostenibilità con l'ambizione di scavare più a fondo. Ed è stato a quel punto che abbiamo capito che avremmo avuto bisogno di un aiuto esterno", racconta.

 

Detto fatto. LKAB ha sondato il terreno e ha coinvolto Epiroc, Volvo, la società di automazione ABB e la società di consulenza ingegneristica Combitech; alla fine Volvo è stata sostituita da Sandvik. Questa collaborazione ha consentito di trovare insieme le soluzioni necessarie per rendere il settore minerario sostenibile.

 

"Per Epiroc LKAB non è un cliente di primaria importanza a livello internazionale. Ma come società siamo entrambi a un livello tecnologico tale che ci consente di collaborare. La comunicazione tra noi è molto buona", afferma Joel Kangas, direttore della miniera di Kiruna.

Sensorer på ST 18.

Più telecamere sulle pale caricatrici consentono di controllare a distanza le operazioni nella miniera.

Creare un nuovo standard mondiale per l'attività mineraria sostenibile non è un compito facile. È necessario sviluppare macchine per l'estrazione autonome elettriche e intelligenti, ma anche sistemi digitali che consentano alle macchine di diversi fornitori di comunicare tra loro. Un altro aspetto fondamentale per le soluzioni autonome è che chiunque ne abbia bisogno possa vedere ciò che accade in ogni punto della miniera in tempo reale.

 

"Oggi le miniere vanno molto in profondità. Le sfide maggiori riguardano le capacità che dobbiamo superare per essere competitivi in futuro. Dobbiamo sviluppare un sistema per estrarre 80.000-85.000 tonnellate di minerale di ferro al giorno", afferma Joel Kangas.

 

"Inoltre", spiega, "è necessario sviluppare nuove tecniche di estrazione e progetti in grado di gestire meglio l'attività sismica derivante dalla perforazione della roccia molto più in profondità rispetto al passato. Ma un progetto in tal senso è già presente nella nostra miniera di prova di Konsuln."

 

La gestione del progetto in collaborazione con altre aziende comporta anche una maggiore complessità.

 

"È stato di per sé un'impresa riuscire a instaurare un metodo di lavoro condiviso da tutti e collaborativo", afferma Joel Kangas.

Siamo tornati a 1.365 metri. Marie Arngren carica il minerale tramite telecomando dalla sua scrivania. Il carico vero e proprio è qualcosa che le macchine non sono ancora in grado di gestire da sole.

 

"Il materiale è troppo irregolare", afferma l'operatore Peter Keisu, che lavora con Marie Arngren nell'ufficio dall'illuminazione viola. Ha lavorato in ambito minerario più o meno per tutta la sua vita professionale e ritiene che gli sviluppi in corso siano entusiasmanti.

 

"Alcune delle persone che lavorano in miniera da molto tempo sono un preoccupate per tutto ciò che sta succedendo, ma io no. È ovvio che questo nuovo modo di lavorare comporterà maggiori responsabilità per noi operatori. Dobbiamo essere in grado di amministrare i sistemi informatici che controllano i carri, di accedervi e di risolvere i problemi quando si presentano. Ma questo è il futuro", afferma.

""È stato di per sé un'impresa riuscire a instaurare un metodo di lavoro condiviso da tutti e collaborativo"

Joel Kangas, Mine Manager, LKAB

Il sole splende sull'aspro paesaggio minerario. I cumuli di neve color carbone e pietra grigia contrastano nettamente con le bianche catene montuose sullo sfondo. Un nuovissimo Minetruck MT42 di Epiroc alimentato a batteria si trasforma in una struttura di ricarica provvisoria dopo un viaggio lungo il suo percorso di prova in montagna. L'autocarro da miniera non è ancora sceso nella miniera, perché Epiroc e LKAB devono prima assicurarsi che tutto

funzioni come previsto. Ma il fatto che sia qui, come le altre macchine elettriche e autonome che stanno per essere consegnate alla miniera, è un passo importante per il progetto.

 

"Finora si è trattato soprattutto di attività e valutazioni teoriche. Ma ora inizia il lavoro davvero entusiasmante, quando arriveranno le macchine e potremo davvero iniziare a testarle", afferma Johan Enback.

 

Quando mancano otto anni al raggiungimento dell'obiettivo, sia lui che Joel Kangas sono soddisfatti. Il progetto procede secondo i piani.

 

"Non sono affatto preoccupato per la tecnologia", afferma Johan Enback. Riflette per un po' e poi aggiunge: "La sfida più grande è rappresentata dai problemi accessori, le persone. LKAB è sempre stata un'azienda innovativa e siamo abituati ai cambiamenti, ma ciò che stiamo affrontando ora è qualcosa in più. Ciò richiederà molto da parte nostra come organizzazione. A molte persone verranno affidati nuovi compiti e avremo bisogno di nuove competenze. Ma ce la faremo, ne sono assolutamente sicuro."

Epiroc e LKAB Epiroc è da tempo fornitore di LKAB. Sono inoltre partner del progetto "Un nuovo standard mondiale per l'estrazione mineraria sostenibile" sin dal suo lancio nel 2018. Ciò significa che Epiroc è impegnata nello sviluppo di soluzioni elettriche e autonome. Finora Epiroc ha sviluppato e fornito il carro di perforazione con foro di apertura Easer L di Epiroc, una batteria Minetruck MT42, due (presto tre) Scooptram ST18 autonomi e due Scooptram ST14 alimentati a batteria. Epiroc fornisce la soluzione Batterie disponibili come servizio per le macchine alimentate a batteria.

Scooptram ST18 2022 Internazionale 6th Sense Automazione Automation and information management Minetruck MT42 Battery Easer L Scooptram ST14 Battery Testimonianze dei clienti