Your browser is not supported anymore.

We suggest changing from Internet Explorer to another option. The Internet Explorer browser is no longer supported by Microsoft. Please install or upgrade one of the browsers below.

A tutto calore

17 luglio 2019

In una miniera nel nord dell'Australia, Roc-Drill si sta unendo alla ricerca del rame con un paio di carri SmartROC CL di Epiroc. Ma qui, a ore di distanza dalla città più vicina e in un luogo in cui le temperature possono raggiungere i 50 gradi Celsius, uomo e macchina vengono spinti ai loro limiti assoluti.

La prima cosa che si nota è la polvere. È rossa, un rosso brillante, e si infila ovunque. "È un incubo", afferma il responsabile di zona di Rock-Drill, Graeme Jones. "E poi piove, piove fango".

Si tratta di Crusader, una miniera di rame a cielo aperto nel nord-ovest del Queensland. Siamo a due ore di auto da Cloncurry, la città più vicina; a 20 ore da Brisbane, la capitale dello stato. È il deserto australiano, con le frastagliate vette marziane punteggiate da formicai che arrivano alle ginocchia e alberi essiccati. Eppure, piove.

Alcune settimane fa, si è manifestata una lunga siccità, con la conseguente creazione di un vasto mare interno. Crusader e il suo campo base a Mount Cuthbert, a 25 chilometri di distanza (oltre 15 miglia), sono stati isolati per giorni e, alla fine, i lavoratori sono stati evacuati in elicottero. "Quando senti di una fuoriuscita dalla diga Julius, hai otto ore di tempo per andartene", afferma Jones, guidando lentamente il suo Landcruiser sul fiume Leichhardt mentre una colonia di coccodrilli d'acqua dolce attraversa una briglia di fronte a lui. "In caso contrario, resti bloccato".
Questa è la stagione umida del nord dell'Australia e le tempeste possono apparire dal nulla. Lo sperimentiamo in prima persona quando un banco scuro di nubi ci obbliga a terminare il turno anticipatamente, con Jones che ci porta via rapidamente dalla miniera in una fila di LV, con luci arancioni lampeggianti. Una cortina nera di pioggia, vento e polvere corre nell'altra direzione, fulmini e attività elettrica rafforzano una zona di esclusione attorno a un foro da mina caricato. Jones fa un grande sorriso. Questa è la miniera in condizioni estreme.

“If you want to test something, bring it to Australia,” says Nigel Deveth, Managing Director of Roc-Drill, a Brisbane-based drilling contractor.

 

Roc-Drill was established in 2012 as an offshoot of Deveth’s existing company, Deveth Drilling Qld. Deveth’s own history with drilling dates back 32 years via companies such as Geothermal Industries, Deveth Drilling and the formerly family-owned Straitline Australia. For much of that time he has specialized in running Epiroc equipment.

 

Roc-Drill currently boasts one of the largest fleets of Epiroc crawler drills in Australia. It’s no surprise, then, that Deveth was the first in the country to take on a pair of new SmartROC CL drill rigs. Roc-Drill wanted to put the COPROD-equipped rigs to work in some of the more difficult ground jobs it tackles across Australia and Papua New Guinea. With the COPROD system, developed by Epiroc, the high penetration rate and low fuel consumption of tophammer equipment is married with the hole straightness and hole quality of a down-the-hole drill.

 

“They have the potential to change how we drill into difficult rock,” says Deveth.

Non che Roc-Drill non abbia dovuto lavorare per far funzionare i carri in modo efficace nelle condizioni del territorio australiano. Il team di Deveth ha trascorso mesi spostandosi avanti e indietro con Epiroc per rodare gli SmartROC CL in una miniera vicino a Cloncurry, regolando il martello nonché le pressioni di avanzamento e rotazione per gestire meglio la combinazione di terreni morbidi e duri tipica delle miniere australiane.

Crusader sta ponendo sfide simili a Roc-Drill. Questa miniera esiste in una forma o un'altra da oltre un secolo. Le antiche infrastrutture ferroviarie giacciono abbandonate e annerite dal sole. A quel tempo, si realizzavano operazioni di scavo e sotterranee. Nel 2019, il proprietario della miniera, Malaco Leichhardt, è coinvolto in qualcosa di molto più complesso, l'estrazione di solfuro di rame da un'area ricca di dolomite, quarzite, talco e magnetite.

Lavorando a una riduzione nella miniera, i due carri di perforazione SmartROC CL di Roc-Drill si trovano sopra il vuoto della cava allagata, perforando uno dei vecchi collettori della Crusader.

Il terreno è morbido e si procede lentamente, con argilla umida che ostruisce regolarmente le punte da trapano. L'operatore Glen Hoyle apre con cura le sue bocche di perforazione, mescolando sapientemente la terra grigia come una pastella da torta. È un'attività dispendiosa in termini di tempo e consumo d'acqua, ma ne vale la pena.

"Una volta raggiunta la roccia più dura, otterremo tassi di penetrazione costanti. Sono macchine davvero buone."

Mark Killip , Ingegnere minerario, Malaco Leichhardt
"Ci vorranno un paio di giorni prima che gli esperti in esplosivi arrivino qui", dice Hoyle, mentre blocca il CL in modalità automatica e lo mette all'opera. "L'ultima cosa che desideri è che tutta quella terra ricada nel foro. Lo contrassegneranno come intervento di riperforazione".

Per certi versi, Hoyle sta semplicemente ingannando il tempo. Una delle 12 potenti flotte di affidabili SmartROC D65 di Roc-Drill sarebbe altrettanto capace su questo terreno morbido. Ma sbirciando nella cava si noterebbe subito perché gli SmartROC CL offrono un valore aggiunto: il sostrato roccioso più duro con i suoi ricchi depositi di rame.
Con una buona roccia dura, questo e un D65 insieme? La ridurrebbe in pezzi", dice Hoyle. "La roccia dura è il punto di forza di questi prodotti". Comunque, le velocità di penetrazione per questo tipo di terra sono già elevate e gli SmartROC CL stanno dando i loro frutti in altri modi. Con un'asta più larga, i carri possono trasportare un compressore più piccolo per liberare i fori, il che significa un motore più piccolo e un sorprendente risparmio di combustibile, "forse metà di quello utilizzato dai 65", afferma Graeme Jones. Presso la Crusader, dove le temperature possono salire fino a 50 gradi Celsius (122 gradi Fahrenheit) in profondità nella cava, offrono altri vantaggi. "Con un compressore più piccolo, il motore non è sottoposto allo stesso sforzo", aggiunge Hoyle. "Questo vuol dire ridurre la pressione sul motore. Qui hai bisogno di tutto l'aiuto che puoi. Fa un caldo infernale".
Diversamente, i carri SmartROC CL perforano in modo diritto e preciso, qualcosa che non è sfuggito a Mark Killip, ingegnere minerario di Malaco Leichhardt. Killip era già rimasto colpito dalla capacità di Rock-Drill di muoversi sul cantiere così rapidamente e spende ottime parole sui nuovi carri.

"Queste perforatrici COPROD sono fantastiche", afferma. "Per essere in grado di ottenere una perforazione ottimale e costante su una varietà di terreni, devono necessariamente essere eccellenti. Sono dotate di GPS, il che elimina il rischio correlato all'impiego di persone sul campo. Se si verifica una leggera variazione delle condizioni del terreno e si sposta di un paio di centinaia di millimetri, il GPS ne tiene conto automaticamente. Una volta raggiunta la roccia più dura, otterremo tassi di penetrazione costanti. Sono macchine davvero buone".

D'altra parte, con il rodaggio di Roc-Drill, forse non ci si aspetterebbe niente di meno. "Non ci dispiace essere pionieri", afferma Deveth. "Queste macchine potrebbero non raggiungere il loro pieno potenziale se introdotte da un'altra azienda. Non permettiamo che ciò accada"

"Abbiamo una reputazione eccellente", continua. "Non c'è un lavoro in cui non abbiamo speso meno del budget stanziato dal cliente. Ci impegniamo a ridurre costantemente i costi per la nostra azienda, con conseguente vantaggio per i nostri clienti. Questo è ciò che ci distingue. Ecco perché abbiamo perforatrici CL".

Coltivazione a cielo aperto ed estrazione in cava Internazionale 2019 SmartROC CL Divisione Surface and Exploration Drilling COPROD

Epiroc è uno dei principali partner per la produttività nel settore minerario e delle infrastrutture. Con una tecnologia d'avanguardia, Epiroc sviluppa e produce carri di perforazione, attrezzature da scavo e per le costruzioni innovative, sicure e sostenibili. L'azienda fornisce inoltre servizi e soluzioni di prim'ordine per l'automazione e l'interoperabilità. Con sede a Stoccolma in Svezia, Epiroc ha realizzato un fatturato di 38 miliardi di corone svedesi nel 2018 e ha più di 14.000 appassionati dipendenti che offrono supporto e collaborazione ai clienti in oltre 150 paesi. Maggiori informazioni su www.epiroccroup.com

Surface and Exploration Drilling è una divisione di Epiroc che sviluppa, produce e commercializza attrezzature per perforazioni in roccia ed esplorative destinate a varie applicazioni nei campi dell'ingegneria civile e geotecnica, delle cave e delle miniere a cielo aperto e sotterranee di tutto il mondo. La forte attenzione di Epiroc per la progettazione innovativa dei prodotti e i sistemi di supporto per la manutenzione offre un valore aggiunto ai clienti. I principali centri di produzione sono situati in Svezia, Italia, India, Giappone e Cina. La sede principale della divisione si trova a Örebro, Svezia.