Si torna al lavoro con l'aiuto della tecnologia RigScan

29 dicembre 2015

Quando gli affari rallentano, i contrattisti di perforazione potrebbero dover fermare alcune delle loro apparecchiature. Ma quando il mercato si riprende, gli impianti potrebbero non essere del tutto pronti ad entrare immediatamente in esercizio. Ecco il modo migliore per scoprirlo.

La società mineraria Small Mine Development di Battle Mountain, Nevada, USA, preferisce tenere le proprie attrezzature di perforazione piuttosto che venderle quando il lavoro diminuisce. In questo modo, la società non deve procurarsi nuovi carri qualora il lavoro dovesse tornare improvvisamente. A questo proposito, il comportamento di SMD è tipico di molte aziende simili in tutto il mondo. Come sostiene Mike Schomer, sovrintendente alle attività di manutenzione di SMD: "Non si possono fare offerte per un lavoro con le attrezzature che non si hanno".

"Il controllo di RigScan ci aiuta a rimettere in servizio le risorse già in nostro possesso in modo molto più veloce rispetto all'attesa della consegna di un nuovo carro o al procurarsi un carro diverso per la rigenerazione."

Mike Schomer, Maintenance Superintendent, Small Mine Development

Fattori sconosciuti

Back to work with the help of RigScan technology

Due dei bullonatori Boltec di Atlas Copco della società sono un esempio tipico. Di recente sono rimasti in stand-by sulla superficie, uno per quasi due anni, dopo aver lavorato in sotterranea 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Ma di che tipo di riparazioni e manutenzione avevano bisogno questi carri nel momento in cui sono stati messi da parte? Di quanto erano diminuite le loro prestazioni rispetto alle specifiche del costruttore? E come aveva influito l'esposizione al sole estivo e all'inverno rigido del Nevada sui tubi flessibili, sui componenti elettrici e sulla segnaletica e l'etichettatura obbligatoria di sicurezza? 


"Se avessimo investito subito per riportare i carri alle loro condizioni ottimali," spiega Schomer, "avremmo destinato una buona parte del nostro capitale per un tempo indefinito all'inventario inattivo. Ma sapevamo che il settore si sarebbe ripreso, quindi stavamo cercando il modo più veloce per ripristinare le condizioni di esercizio dei nostri carri non appena sarebbero apparsi nuovi potenziali contratti". La soluzione era una revisione approfondita delle attrezzature con la tecnologia RigScan. Schomer dice: "Il controllo di RigScan ci aiuta a rimettere in servizio le risorse già in nostro possesso in modo molto più veloce rispetto all'attesa della consegna di un nuovo carro o al procurarsi un carro diverso per la rigenerazione". La revisione è stata effettuata dallo stabilimento di Atlas Copco a Elko, dove Matt Roemmich, tecnico dell'assistenza ai prodotti per attività sotterranee, spiega: "La revisione fornisce al cliente un'accurata ispezione OEM. Trova tutto ed etichetta ogni elemento come problema di prestazioni, critico di sicurezza o problematica normativa, fino alle questioni più superficiali. 


Leggi la storia completa su Mining & Construction online.


Prima del 1° gennaio 2018, Epiroc operava sotto il marchio "Atlas Copco".

Bullonatura Divisione Service di Ingegneria Civile, Cave e Minierie Testimonianze dei clienti Internazionale RigScan 2015

Ulteriori notizie su questo argomento